26/07 - 31/07/2016

Notizie

Indietro

Hip hop a Blonia. Musicisti che “rappano la verità su Dio”

2016-07-28 / Festiwal Młodych


I graffiti, la breakdance e soprattutto il rap hanno intrattenuto i pellegrini, che, dopo aver salutato il papa, si trovavano nel parco di Blonia e che, nonostante la pioggia, non hanno perso l'occasione per divertirsi.

Tau, El Nino e Arkadio sono le tre bande che hanno suonato giovedì sera sul palco, davanti ai pellegrini riuniti nel parco di Blona.

- Il rap è importante per i giovani ed è ascoltato sempre da più persone. Io in particolare sto aspettando Tau, perchè le sue canzoni hanno dei bei testi e soprattutto molto ritmo - dice Thomas Raducha dalla Francia.

- La cosa più importante è il messaggio, perché i giovani lo assorbono. Lui parla di Dio, e se qualcuno dice la verità su Dio, non si può volere di più - dice Radosław Milczarek.

Tau è il rapper convertito che usa la sua musica per predicare la Buona Novella. Tra i suoi fan, oltre ai giovani ci sono anche adulti e sacerdoti.

- Prima di tutto, quest'uomo non è un insegnante, lui è un testimone della Divina Misericordia e la sua musica è così accattivante, perché è vera - dice padre Thomas Wołoszański.

Durante i concerti, tra il pubblico si formavano cerchi in cui alcuni ballavano breakdance. Tra di loro c'era un giovane dalla Francia, Lionel Makaya, che ha detto “Anche la breakdance può essere collegata a Dio. Io ballo per lodare Dio, per questo è neccesaria la fede, che viene rafforzata attraverso la Bibbia”

Ha ballato anche Kuba Wisniewski, un bambino di 6 anni, che è venuto al parco di Blonia con la sua famiglia. “A casa io non ballo”, ha detto “I passi li ho inventati”.

Peter Klejnowski
Fig. Paulina Krzyżak



Questa pagina web contiene cookies. Stando su questa pagina, accetti le condizioni d'uso dei cookies.

Confermo